Isola in vendita in Scozia a prezzo stracciatissimo!

20210204 273

Questa notizia appare sul numero di oggi nel nostro quotidiano TRAVELNOSTOP, ove si possono acquisire tutte le notizie di oggi per lo più inerenti il turismo. Potete accedere al Quotidiano, cliccando sulla sezione “LE NOTIZIE DI OGGI”, che Vi fornirà tutte le altre notizie del giorno, ma questa, che ci ha incuriosito particolarmente, la inseriamo anche in Brevi News per poterveLa evidenziare trattandosi di qualcosa di “fattibile” anche per Voi… Quindi è da vedere subito per non farVi scappare l’Isola. Facciamo presto…. Ecco l’articolo di Travelnostop: Little Ross, l’isola scozzese in vendita al costo di un bilocale romano Bastano circa 360 mila euro per acquistare un’intera isola in Scozia. Little Ross offre 29 acri di terreno, un cottage, una spiaggia e un porto naturale. L’isola è il rifugio ideale dove isolarsi per distaccarsi dalla quotidianità. Il nuovo proprietario si aggiudicherà un cottage composto da un cortile e 6 camere da letto. Non è incluso nella vendita il faro, completamente automatizzato, che resta nelle mani della Nothern Lighthouse Board. Nel 1960 l’isola fu testimone dell’omicidio del custode del faro, il cui corpo senza vita fu ritrovato da due visitatori. Gli agenti immobiliari fanno sapere che qualcuno si è già interessato all’isola ma sottolineano che i potenziali acquirenti devono essere marinai capaci, poiché per raggiungere la destinazione è necessaria una barca o un elicottero. ​ Isola di Ross in Scozia. E’ anche bella!

20210204 273
Direttore Responsabile Capace talvolta di sconfinare nella poetica, per la “morbidezza” della sua penna, se dovessimo attribuire a Francesco Siino una collocazione di tendenza potremmo definirlo un “giornalista maledetto”. Appassionato, generoso e coinvolgente, politicamente moderato, è stato, sin dagli albori della sua carriera un giornalista fai-da-te. Siciliano di nascita e bolognese di adozione, a soli diciassette anni collaborava già con due dei tre quotidiani della Palermo di allora: Telestar e L’Ora, curando inizialmente pagine sportive.