Ultima sfilata di J. P. Gaultier

20210204 13

Ultima sfilata di Jean Paul Gaultier: una festa esclusiva per concludere i 50 anni di carriera Il 17 gennaio lo stilista francese Jean Paul Gaultier ha dichiarato che il 22 gennaio avrebbe festeggiato i suoi 50 anni di carriera con una sfilata evento, “una grande festa”, ma il vero scoop è stato che questa sarebbe stata la sua ultima sfilata haute couture. Gaultier ha dato la notizia con l’ironia e l’eleganza che lo contraddistinguono, attraverso un video pubblicato sul suo profilo Instagram ha simulato una telefonata in cui invita a non perdersi la grandiosa sfilata evento del 22 gennaio al Théâtre du Câtelet. Dopo aver rivelato che sarebbe stata la sua ultima sfilata ha tranquillizzato così il mondo del web e della moda: “Gaultier Paris continuerà, l’alta moda continuerà, ho nuovi progetti”, lasciando tutti in trepida attesa per il grande evento. La sfilata del 22 gennaio non ha di certo deluso le aspettative, sono stati proposti più di 250 abiti, perfetta sintesi dei diversi stili più emblematici che hanno contraddistinto i 50 anni di Gaultier Paris come gli iconici corsetti, le forme geometriche, i jeans, le gonne ampie e lo stile marinaro. In passerella hanno sfilato i modelli e le modelle più cari allo stilista, tra cui le sorelle Gigi e Bella Hadid. A chiudere la sfilata è stata l’esibizione del cantautore Boy George, amico di Gaultier e icona della moda no gender, concept lanciato dallo stesso stilista e tema ricorrente in tutta la sua carriera. J.P.G. con Boy George

20210204 13
Direttore Responsabile Capace talvolta di sconfinare nella poetica, per la “morbidezza” della sua penna, se dovessimo attribuire a Francesco Siino una collocazione di tendenza potremmo definirlo un “giornalista maledetto”. Appassionato, generoso e coinvolgente, politicamente moderato, è stato, sin dagli albori della sua carriera un giornalista fai-da-te. Siciliano di nascita e bolognese di adozione, a soli diciassette anni collaborava già con due dei tre quotidiani della Palermo di allora: Telestar e L’Ora, curando inizialmente pagine sportive.