Pablito l’uomo che ha fatto sognare gli italiani nel 1982!

20210204 208

di Marco Rinaudo Li ricordo come fosse oggi quei meravigliosi giorni del lontano luglio 1982. Ricordo la tensione, la paura e il dubbio che l’Italia non potesse farcela. Poi la gioia, l’immensa gioia che Paolo Rossi ha regalato a tutti gli italiani. Era il 5 Luglio del meraviglioso 1982: l’Italia incontrava il Brasile di Falcao, Zico, di Socrates e Cerezo per la semifinale dei mondiali di quell’anno ed ai funamboli gialloverdi sembrava scontata la vittoria. Ma non avevano fatto i conti con Paolo Rossi, figlio d’arte perché anche il padre Vittorio era un calciatore. Il Sarrià, lo stadio di Barcellona, ormai demolito, era pieno di tifosi brasiliani e di autorità e lui, Pablito, come Manolete, uno dei migliori toreri di tutti i tempi, ha infilzato tre stupende reti (tre perle!), ai pur bravi campioni del Brasile: infatti la partita è finita 3 a 2 grazie a quelle tre meravigliose reti da lui segnate. L’Italia è così entrata in finale, una finale contro un’altra fortissima squadra come la Germania Ovest anch’essa traboccante di campioni come Rummenigge, Muller, Forster etc. ed è ancora lui Pablito, in quest’altra occasione ad infilzare con una prodigiosa rete la porta del grande Harald Schumacher. Quel giorno, l’11 Luglio 1982 l’Italia si è laureata per la terza volta campione del mondo sotto lo sguardo allegro e divertito del Presidente della Repubblica Sandro Pertini, del Presidente tedesco Helmut Schmidt (dallo sguardo meno allegro e meno divertito!) e del re di Spagna Juan Carlos. Lui, l’eroe di Spagna, Paolo Rossi, nato il 23 Settembre 1956 a Prato, è deceduto pochi giorni or sono in un letto dell’ospedale di Siena assistito e confortato dalla sua seconda moglie Federica Cappelletti. Nella sua gloriosa carriera, iniziata nelle file del Prato, continuata in quelle del Vicenza, dove ha conosciuto la fama, e passato al Milan e successivamente alla Juventus di Trapattoni, Paolo ha vinto due scudetti e alcune coppe internazionali terminando la sua stupenda carriera nelle file del Verona. Un altro grande calciatore se ne va. Vai campione, vai! Dio ti accoglierà col Suo amore e noi italiani ti ricorderemo sempre. Grazie per averci regalato dei giorni indimenticabili! Foto di Lady Radio

unnamed file 32 [/caption]